Barletta, una mostra sulle Opere di Misericordia nella Basilica di Santa Maria Maggiore

L’Arciprete della Concattedrale di Barletta, il Mons. Angelo Dipasquale, considerando l’invito di Papa Francesco (“E’ mio vivo desiderio che durante il Giubileo il popolo cristiano rifletta sulle opere di misericordia”), ha inserito in programma delle attività che verranno realizzate nell’Anno Santo della Misericordia: l’allestimento di una mostra sulle opere di misericordia.

Nella Basilica di Santa Maria Maggiore, già da tempo è usufruibile un mostra degna di questo nome. Il riferimento è da intendersi sulun percorso catechetico in 15 pannelli a colori per conoscere le opere di misericordia corporale spirituale proposto dall’Editrice Missionaria Italiana.

La mostra, complice la parola di Dio, l’esempio di testimoni, le riflessioni di Francesco e suggestive immagini, spiega gli antichi consigli di vita cristiana. Il percorso che consta in 15 pannelli «roll-up» (vele)  è di facile e veloce allestimento si reggono in piedi da soli, sono comodi da spostare, non c’è bisogno di forare pareti.

La mostra è ideale per parrocchie, gruppi e associazioni  che intendono offrire un percorso formativo interessante in questo Anno santo a ragazzi,  adulti e famiglie.

“Si tratta di pannelli di facile fruizione, –  spiega Mons. Angelo Dipasquale –  con immagini e con brevi didascalie da percorre anche in breve tempo, ma non a scapito della riflessione e del messaggio che proviene dalle opere di misericordia”.

Le sette opere di misericordia corporale

  1. Dar da mangiare agli affamati.
  2. Dar da bere agli assetati.
  3. Vestire gli ignudi.
  4. Alloggiare i pellegrini.
  5. Curare gli infermi.
  6. Visitare i carcerati.
  7. Seppellire i defunti.

Le sette opere di misericordia spirituale

  1. Consigliare i dubbiosi.
  2. Insegnare agli ignoranti.
  3. Ammonire i peccatori.
  4. Consolare gli afflitti.
  5. Perdonare le offese.
  6. Sopportare pazientemente le persone moleste.
  7. Pregare Dio per i vivi e per i morti.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteAutismo, le opportunità del Neurofeedback – L’impegno di Caracciolo e Venotla
Articolo successivoOmaggio a Chopin: di scena la pianista ucraina Tetiana Shafran
Sonia Tondolo
Sonia Tondolo classe 1993, consegue la maturità classica presso il Liceo Classico “A.Casardi” di Barletta. Prosegue gli studi umanistici laureandosi in Lettere moderne presso l’Università degli Studi di Bari “A.Moro”. È appassionata di letteratura e giornalismo e sta proseguendo il suo percorso di studi specializzandosi in giornalismo e cultura editoriale. Attualmente è redattrice di Barletta News e si occupa di attualità ed eventi cittadini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here