31 dicembre: perchè la Chiesa Universale canta il “Te Deum Laudamus”?

Il 31 dicembre, ultimo giorno dell’anno, dopo la Santa Messa Vespertina, la Chiesa Universale ( cioè in tutto il mondo) si ferma in preghiera per cantare il ” Te Deum Laudamus”, meglio conosciuto come ” Te Deum”.

Di solito, dopo la Messa, segue l’esposizione solenne del Santissimo Sacramento e l’intonazione del suddetto inno, in latino o in italiano.

Il fine è  di ringraziamento per i benefici ricevuti nell’anno trascorso.

Il ” Te Deum”, viene cantato il 31 dicembre, ma anche in tutti i giorni di festa e solennità liturgica al termine dell’Ufficio delle letture ( di solito recitati in privato dai sacerdoti, i quali sono obbligati a reitarlo)

Di seguito proproniamo il testo dell’inno ( in italiano) e un video che ne intona la melodia.

Noi ti lodiamo, Dio,
ti proclamiamo Signore.
O eterno Padre,
tutta la terra ti adora.
A Te cantano tutti gli angeli
e tutte le potenze dei cieli
e i Cherubini e i Serafini,
con voce incessabile:
Santo, Santo, Santo
il Signore Dio dell’universo.
I cieli e la terra
sono pieni della [maestà della] tua gloria.
Ti acclama il coro glorioso degli apostoli
e [il numero lodevole de]i profeti
e la candida schiera dei martiri;
In tutto il mondo
la santa Chiesa proclama Te
Padre d’immensa maestà
il Tuo venerabile e unico vero Figlio
e lo Spirito Santo Paraclito.
O Cristo, re della gloria,
Tu sei il Figlio eterno del Padre.
Tu, per liberare l’umanità che stavi per assumere,
non hai disdegnato il ventre di una Vergine.
Vincitore della morte,
hai aperto ai credenti il regno dei cieli.
Tu siedi alla destra di Dio,
nella gloria del Padre.
[Crediamo che] verrai a giudicare
(il mondo alla fine dei tempi).
Dunque Ti chiediamo: soccorri i tuoi servi
che hai redento col tuo Sangue prezioso.
Fa che siano contati coi Tuoi Santi
nella gloria eterna
Salva il tuo popolo, Signore,
e benedici la tua eredità.
e guidali
ed innalzali in eterno
Ogni giorno Ti benediciamo,
lodiamo il tuo nome per sempre.
Degnati oggi, Signore,
di custodirci senza peccato.
Pietà di noi, Signore,
pietà di noi.
Sia sempre su di noi, Signore, la Tua misericordia,
dato che abbiamo sperato in Te.
In Te, Signore, ho sperato:
che io non sia confuso in eterno.

http://youtu.be/4wDyAIpqNJ8

A tutti i nostri lettori, i più cordiali auguri di Buon Anno 2015.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here