“La Collezione De Nittis: un dono alla città”: mostra prorogata fino al 31 marzo

L’esposizione continua in occasione di eventi di importanza nazionale

 

La mostra “La Collezione De Nittis: un dono alla città” rimarrà aperta fino al 31 marzo; questa è la decisione presa tenendo conto dell’interesse a comprendere la mostra, e lo stesso palazzo Della Marra che la ospita, negli itinerari di alcuni eventi nazionali come la “Penisola del Tesoro”, promossa dal Touring Club Italiano per domenica 16 febbraio, e le “Giornate di Primavera” organizzate dal FAI (Fondo Ambiente Italiano) il 22 e il 23 marzo.

Giova ricordare che la mostra, allestita la scorsa estate in occasione del centenario della donazione di Léontine Gruvelle, moglie dell’artista, alla città di Barletta, comprende nel suo catalogo non solo le opere rimaste in maniera stabile qui, nella città natale del pittore impressionista, ma anche le altre opere sparse per i musei di tutta Europa.

Non è mai stato un mistero che Barletta abbia da sempre avuto un grande patrimonio culturale ed è stata patria di molte figure di spicco nel panorama internazionale, ma è indubbio anche che, negli ultimi anni, tali risorse sono state sfruttate forse in maniera poco efficiente e molte altre non siano state valorizzate come meritano.
Perciò non si può che lodare la decisione di prorogare questa mostra, che già alla sua apertura ha riscosso grande successo ed è stata particolarmente apprezzata persino dal Ministro per i Beni Culturali Massimo Bray in occasione della sua visita presso la nostra cittadina.

La speranza è, quindi, che la mostra non serva solo a mettere in luce la grande personalità e l’arte del De Nittis ma che sia anche il primo passo per la rivalorizzazione del patrimonio culturale Barlettano e punto di partenza per un utilizzo più intelligente dello stesso, cosa che in tempi di crisi come quelli che stiamo affrontando non può che essere positiva.

 

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteGIOVANIDEE: presentata la seconda rassegna del GOS
Articolo successivoCoppia d’assi pugliesi per Zio Vanja di Cecov al Teatro Curci
Vittorio
Vittorio Grimaldi è nato il 17 agosto 1991. Diplomato presso il Liceo Classico "A. Casardi" di Barletta, attualmente studia Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro". Appassionato ed esperto di folklore e mitologia, gestisce dal 2013 il canale youtube a tale materia dedicato "Mitologicamente". Giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dell'Ordine dei Giornalisti della Puglia, dal 2014 è stato cronista politico della testata online Barletta News fino a dicembre 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here