Il Venerdì Santo a Barletta tra Fede, Storia e radici cristiane

Quando il poeta dialettale Giggi Zanazzo diceva che a Roma “ar tempo der papa c’ereno più precissione che preti”, non diceva cose lontane dal vero. Basta verificarlo, anche per la nostra Città, nelle cronache dell’epoca: non c’era chiesa o confraternita che nell’arco dell’anno non facesse una processione.

Oltre a quelle maggiori che coinvolgevano tutta la città, erano importanti quelle per le solennità mariane, particolarmente sentite dalla gente del popolo che aveva venerazione per le diverse immagini della Madonna conservate nelle chiese e nelle edicole sacre, come pure numerose erano le processioni organizzate dalle varie confraternite in occasione della Settimana Santa.

Per tutte queste occasioni era previsto un rigido cerimoniale che elencava in modo preciso sia l’abbigliamento sia le regole su chi dovesse avere la precedenza nella sfilata. Era una delle rare occasioni in cui le differenti classi sociali si trovavano fianco a fianco, anche se la popolazione perdeva spesso di vista le finalità religiose.   

In questo contesto storico religioso va inserita la Processione del Venerdì Santo a Barletta.

Innanzitutto bisogna inquadrarla dal punto di vista religioso.

Il tradizionale evento, una delle più antiche espressioni di fede e spiritualità della Comunità barlettana, è un momento particolarissimo per i credenti e questo significato centrale non va mai dimenticato, un momento di intensa emozione collettiva. In questa speciale occasione, in una giornata di profonda spiritualità, i barlettani riscoprono le loro radici cattoliche e la comunità si ritrova per celebrare forse la più grande testimonianza di fede che si vive nella nostra Città.

Infatti sono tantissimi gli elementi unici che contraddistinguono l’evento: una delle ricorrenze più importanti nella vita dei fedeli e non, attraverso la quale la Città si ritrova, in tutte le sue componenti, a metter insieme spiritualità e partecipazione popolare, fede e devozione, mondo religioso e mondo laico, arte e cultura completando il mosaico di una Barletta dalla storia antica ma rivolta al futuro senza rinunciare alle proprie radici.

Chiunque abbia avuto modo di assistere, negli anni, alla Processione, conserva dentro di sé la memoria di un’emozione fortissima, scandita dai ritmi dei portatori della splendida Urna.

A questo punto è d’obbligo fare un passo indietro e spiegare la nemesi dell’evento.

Il tutto risale al voto che la Città di Barletta pronunziò in occasione della cessazione della peste del 1656 allorquando i nostri progenitori, vista l’incredibile virulenza del contagio, ricorsero all’unico “Benefattore” ed alla sua divina misericordia, per far si che la peste fosse debellata.

Sfogliando le pagine ingiallite della Storia, si può notare come la Processione esisteva già dal 1504 ed anche in quella occasione si era ricorso alla fede per bloccare un’altra epidemia di peste.

I tempi e i modi dello svolgimento della prima processione sono soltanto immaginabili in quanto non è possibile accedere a fonti certe per il semplice motivo che non sono reperibili, ma si può immaginare che il tutto sia avvenuto nella notte tra il Giovedì e il Venerdì Santo nel momento in cui l’epidemia aveva raggiunto il punto più virulento e mortale.

In diversi documenti reperiti dal 1592 e sino al “famoso” 1656, si cita senza ombra di dubbio la Processione del Giovedì o del Venerdì Santo.

Un cambiamento “epocale” si ebbe con una disposizione di Ferdinando IV del 24 marzo 1769, con la quale si ordinava, per motivi di sicurezza,  che le processioni non fossero più effettuate durante la notte e di conseguenza quella della Settimana Santa venne spostata al pomeriggio del Venerdì.

Tra le processioni che si sono succedute attraverso i secoli, la lente di ingrandimento va indubbiamente posta su quella del 1656 e questo anche perché l’evento è stato immortalato e certificato da un rogito notarile che viene conservato dalla Sezione di Archivio di Stato di Trani.

Le “cronache” dell’epoca riportano l’inspiegabile e repentina cessazione della peste che non mieté più vittime (la peste investì Barletta tra il 28 luglio 1656 e il 22 giugno 1657 la malattia uccise tra le 8000 e le 13.000 persone) proprio nella notte tra il Giovedì Santo e il Venerdì 20 aprile 1656 allorquando sulla Città si abbatté una nevicata di incredibile intensità mentre il corteo transitava dalle parti dell’attuale via Romania.

In seguito alla fondamentale intercessione ricevuta, non soltanto il clero ma l’intera Città di Barletta “formalizzò” il Voto di ringraziamento.

Nel rogito notarile si legge “…Potendo dire con verità che nelle universali miserie che affliggono in questi tempi questo regno: manus Domini tetigit nos (la mano del Signore ci ha toccato)… che col flagello del contagio ha dato principio d’alcuni giorni in qua punire i nostri peccati e scelleragginiOnde noi Sindaco (Marco Antonio Bonelli), Eletti e Deputati in nome di tutto il Pubblico … facciamo voto e giuriamo, intendendo di obbligare a tal voto e giuramento le nostre vite e  di tutti i nostri cittadini presenti e futuri, di far fabbricare un trofeo delle divine misericordie, acciò sia questa città libera dal contagio: una Cassa o una urna d’argento di valore di scudi duecento, nel quale si debba portare in processione per la città il Santissimo Sacramento il Venerdì Santo a sera ”.

Si potrebbe considerare questo un semplice atto di magnanimità da parte dell’amministrazione dell’epoca se la frase fosse letta estrapolandola dal contesto del “Voto” fatto dalla “Fedelissima Città di Barletta in occasione del contagio”. Avete inteso bene perché quello di cui stiamo parlando ma che qualcuno vorrebbe stravolgere nel suo effettivo significato, è proprio un “Voto”. In ambito religioso si definisce voto una promessa fatta a Dio. La promessa è obbligante, e quindi differisce dalla semplice risoluzione, che è un proposito presente di fare o di non fare delle determinate cose in futuro.

E la scelta della forma “promessa obbligante” non è stata proferita da un cittadino qualsiasi ma, come si legge nell’atto notarile, dal Sindaco.

La promessa quindi è stata ed è ancor oggi vincolante, prova ne sia che la processione eucaristico – penitenziale del Venerdì Santo riveste anche nei nostri giorni un momento di profonda spiritualità.

Ed un momento veramente toccante delle celebrazioni è l’esecuzione del “Christus”, opera di intensa e sacra bellezza del maestro barlettano Giuseppe Curci che viene eseguita in piazza Plebiscito sul sagrato della chiesa di San Gaetano in conclusione del corteo sacro.

Insomma questa manifestazione di fede profonda non può e non deve essere considerata una semplice usanza popolare in quanto il suo vero significato è riconducibile al mistero stesso della Pasqua e della Resurrezione di nostro Signore Gesù Cristo in quanto il dono dell’Eucaristia, che viene portata, unico caso al mondo, in processione grazie alla Bolla di Leone X del 1517, si compirà proprio nella Passione, Morte e Resurrezione che si celebra ogni anno con il Triduo Pasquale.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteChallenger ATP 2017 : Cecchinato, Giannessi ai quarti con Bedene e Rosol
Articolo successivoBarletta, sequestrati 300 gr di cocaina, armi e munizioni in zona Parco degli Ulivi
Michele Grimaldi
Michele Grimaldi, nato a Barletta il 28 gennaio 1958. Archivista di Stato, Responsabile della Sezione di Archivio di Stato di Barletta, in servizio nel Ministero dei Beni Culturali dal 1978, ha svolto negli anni un’intensa attività di riordino, ricerca e divulgazione di archivi pubblici e privati, Nel 1977 si diploma presso il Liceo Classico “Alfredo Casardi” di Barletta e nel 1980 consegue il diploma in Archivistica, Paleografia e Diplomatica presso l’Archivio di Stato di Bari. Ha curato, diretto e coordinato l’allestimento di numerose mostre, alcune a carattere scientifico, altre dai temi più didattici e nella scelta dei temi di rilevanza regionale e nazionale ha tenuto presente gli orientamenti storiografici più recenti, considerando gli appuntamenti con la storia forniti dalle ricorrenze di vari avvenimenti o dalle celebrazioni di personaggi famosi che, al di là delle manifestazioni celebrative, hanno fornito l’occasione di rivisitare criticamente il passato. Tra le più significative, “Barletta tra il grano e la sabbia. I progetti per il porto” (ottobre 1982), “L’Archivio che Verrà” (Barletta 2010) e quelle relative alle manifestazioni organizzate per il Centenario dello scoppio del 1° Conflitto Mondiale. Il 2014 “Spunti di ricerca storica per le celebrazioni nella Provincia Barletta Andria Trani del Centenario della Prima Guerra Mondiale” e nel 2015 “L’Italia chiamò – Barletta e la Grande Guerra”. Componente della redazione giornalistica del mensile di cultura, informazione ed attualità “Il Fieramosca” edito a Barletta, per il quale cura, in particolare, una rubrica di storia locale. È inoltre componente del consiglio direttivo della Associazione Nazionale Archivisti Italiani – Sezione di Bari e socio ordinario dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano - Comitato provinciale di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here