Sopralluogo a Canne della Battaglia in vista dell’apertura straordinaria il Primo Maggio

33

L’obbiettivo di una apertura straordinaria il Primo Maggio del sito archeologico di Canne della Battaglia è stato al centro di un sopralluogo coordinato dal Segretariato regionale per la Puglia del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo.  Pur essendo in corso i lavori di ristrutturazione e completamento dell’Antiquarium e di valorizzazione del percorso archeologico, la ricognizione compiuta – a cui, con la Dirigente del Segretariato regionale del MiBact, Eugenia Vantaggiato, hanno partecipato il sindaco Pasquale Cascella,  il consigliere regionale Ruggiero Mennea, l’assessore Marina Dimatteo, la Direttrice dell’Antiqurium Miranda Carrieri, la responsabile della progettazione e direzione scientifica dei lavori Marisa Corrente, la direttrice dei lavori Donatella Campanile, e i dirigenti comunali Donato Lamacchia e Santa Scommegna – ha consentito di prevedere il coinvolgimento dell’area di Canne tra le iniziative di promozione dei beni culturali del paese nelle prossima festività.

Nel corso del sopralluogo sono state verificate, in particolare, le condizioni essenziali per una fruibilità in condizioni di sicurezza dei percorsi del prestigioso sito, anche come opportunità per un più ampio coinvolgimento nelle ultime attività del cantiere, l’ampliamento e il riallestimento del nuovo centro di accoglienza dei visitatori, degli spazi espositivi dell’Antiquarium e di una sala multimediale con schermi multitouch e proiezioni video di ricostruzione della storica battaglia.

“L’auspicio – ha tenuto a sottolineare il sindaco Cascella – è che a questa riapertura straordinaria,  seppur  parziale, del sito archeologico,  ne possano seguire altre, segnando una continuità verso la riapertura strutturale dell’area, grazie al coinvolgimento di tutte le istituzioni pubbliche in una più complessiva messa a punto delle attività per il rilancio di un sito dove i visitatori possano vivere interamente il fascino di un patrimonio archeologico di straordinario richiamo turistico”.

LASCIA UN COMMENTO