“La linea invisibile” – intervista al fotografo Danilo Balducci

Sabato sera, presso il Palazzo San Domanico di Barletta, si è tenuta la presentazione del libro del fotografo aquiliano Danilo Balducci intitolato la “La linea invisibile”. Un racconto fotografico che illustra la rotta balcaniche dei migranti, analizzando dettagliatamente le cosiddette “migrazioni forzate”.

Danilo Balducci nasce a L’Aquila nel 1971, affascinato da sempre dalla fotografia e dal suo potere comunicativo, ha fatto di essa un suo interesse principale sfociando nell’ambito lavorativo. È docente di fotografia e reportage presso l’Accademia delle Belle Arti di L’Aquila ed è professionista dal 1998.

Ha collaborato sia con l’Italia che con l’estero, le sue immagini sono state pubblicate su giornali e riviste nazionali ed internazionali ed è vincitore di diversi premi. Il più recente nell’anno 2016, dove è stato vincitore assoluto di FIIPA primo classificato categoria general news, MIFA 2°e classificato categoria Editorial e MIFA 2° posto (merit of Excellence).

Durante i suoi anni lavorativi, Danilo, ha avuto occasione di viaggiare spesso e la sua ultima grande esperienza l’ha portato oggi a pubblicare un libro dove le immagini raccontano più delle parole.                                                                                

 Un viaggio, iniziato nel 2015, in cui ha vissuto personalmente le drammatiche vicende del mondo dell’immigrazione.                                                     

Vicissitudini legate a persone che combattono ogni giorno per sopravvivere e che sembrano essere invisibili agli occhi del mondo, come vuole fare intendere il titolo del libro, poiché lontane dai principali riflettori mediatici.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               Prima che iniziasse l’incontro, Barlettanews ha avuto occasione di conoscere Danilo Balducci, il quale, gentilmente ha risposto a qualche curiosità.

“La Linea Invisibile” un volume strutturato in 135 pagine, una raccolta di 67 foto in bianco e nero, testimonianze su realtà estreme e frutto di un duro lavoro. Cosa ci racconta di questa esperienza?

“È stata una delle esperienze più importanti della mia vita! – ha risposto Balducci –  Distribuita negli ultimi due anni e continuo ancora in questo percorso. Ho cercato di trasmettere questa consapevolezza tramite una raccolta d’ immagini in bianco e nero.

Ho preferito fare questo, per cercare di alleviare la drammaticità degli scatti, come le divise color rosso dei volontari poiché disturbavano le immagini.                                           Tutto il lavoro e il libro parte da Lesbo, primo territorio europeo a sette miglia marine dalla Turchia e si arriva fino a Calle, nel nord della Francia.                                                                                                                                                                                           Ho seguito i migranti durante tutta la loro rotta Balcanica, dai confini come la Serbia, Croazia, Grecia, Mecedonia, Slovenia e infine Francia.”

Per quale motivo ha scelto di intraprendere tale cammino in questa realtà drammatica più che mai attuale?

“Ho sempre fatto fotografia sociale e tutto nasce nell’estate 2015 quando ho iniziato a seguire il Baobab di Roma e ho continuato a farlo per due o tre mesi, poi sono andato in Germania e infine ho deciso di partire.                                                                                                                                                                                                                 Ho scelto di seguire questa immigrazione più ampia poiché in quel periodo si parlava molto dei migranti Siriani. Ho deciso di fare questa sfida, spero sia riuscita.

Questo lavoro le ha permesso di fare diverse esperienze e anche di viaggiare molto?

“Si! Un bel bagaglio di esperienza, ho viaggiato molto, sono stato anche in Africa e ho seguito la guerra in Kosovo ma quello che mi ha dato tanto, più di tutto, è la rotta balcanica dei migranti. Per l’emozioni, un peso psicologico che ti porti dietro poiché vedi questi drammi vivi, con persone che piangono, che urlano e morti in mare.

Ha detto che continua a seguire le vicende dei migranti e che ha immortalato altri momenti di queste storie quasi incredibili. Pensa che ci sarà un sequel del libro “La linea invisibile”?

“Il continuare a seguirle mi porta ad avere altro materiale…vedremo.”

Grazie per la sua disponibilità.

 

 

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here