Barletta, Caracciolo promuove l’istituzione della figura degli eco facilitatori

“Eco facilitatori per rafforzare il processo di cambiamento sociale e ambientale”

Intervento del consigliere regionale e Presidente della V Ecologia, Tutela del Territorio e delle Risorse Naturali, della Regione Puglia Filippo Caracciolo sulla opportunità di istituire la figura degli eco facilitatori per le attività di informazione e sensibilizzazione sul sistema di raccolta differenziata.

“Di recente il consiglio comunale di Barletta ha esaminato e approvato le tariffe TARI per l’anno 2017. Il punto all’ordine del giorno – illustra Filippo Caracciolo – ha fornito anche l’occasione per discutere delle attività di igiene urbana svolte da Bar.S.A. con particolare riferimento alla raccolta differenziata ‘porta a porta’ per il quale il Comune di Barletta è stato premiato per il terzo anno consecutivo da Legambiente essendo tra i Comuni con la più alta percentuale di raccolta differenziata dell’intera Regione Puglia. Dalla discussione in consiglio comunale, oltre ai punti di merito, sono emerse indicazioni e suggerimenti per migliorare sia il servizio che la percezione di pulizia della città”.

“Voglio in tal senso – continua il consigliere regionale Filippo Caracciolo – proporre l’istituzione a Barletta degli eco facilitatori sulla scorta di quanto fatto proprio di recente da altri comuni pugliesi come ad esempio Bari. Per eco facilitatori si intendono figure da selezionare disponibili a coadiuvare Comune di Barletta e Bar.S.A. nel potenziamento delle azioni di sensibilizzazione della cittadinanza sul corretto adempimento degli obblighi di conferimento dei rifiuti urbani. Agli eco facilitatori potrebbe essere affidato il compito di rafforzare il processo di cambiamento sociale di cui la città ha già dato prova rispondendo in maniera diligente all’avvio del porta a porta sull’intero territorio comunale,  consolidando una coscienza ambientale e migliorando gli ottimi risultati già conseguiti. Le azioni degli eco facilitatori in collaborazione con la Polizia Municipale ed il personale dedicato alle attività ispettive potranno essere concentrate nei quartieri dove si registrano criticità in ordine all’abbandono dei rifiuti contribuendo ad un maggior decoro urbano. La qualità dell’agire amministrativo si misura anche in base a come si riescono a cogliere i meccanismi virtuosi di collaborazione e di coinvolgimento tra amministrazione e cittadinanza: chiedo pertanto al sindaco – conclude il Presidente della V Commissione Ambiente della Regione Puglia Filippo Caracciolo – di accogliere l’idea e di convocare un tavolo tecnico con l’Assessore all’Ambiente e l’Amministratore Unico di Bar.S.A. per poter mettere in pratica una proposta che porterà benefici alla città di Barletta”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here