Allarme processionaria a Barletta, Tonio Di Cuonzo chiede intervento immediato

127

È allarme processionaria a Barletta. Stamattina passeggiavo come di consueto con il mio cane nei pressi di Via Vitrani e Via Chieffi e, per fortuna, mi sono accorto che per terra c’era la processionaria che ho prontamente evitato. È importante ricordare a tutti, e mettere a conoscenza chi non lo sa che, per uomini e animali il problema è costituito dai peli urticanti che ne ricoprono il corpo durante lo stadio larvale. Questi peli, che possono anche essere trasportati dal vento, rappresentano un vero rischio per la salute, essendo in grado di scatenare infiammazione dei tessuti e reazioni allergiche. Gli effetti sull’uomo possono essere di variabile gravità. Dal contatto con la pelle possono insorgere dermatiti, mentre conseguenze più gravi si hanno dal contatto con le mucose. L’inalazione è irritante per le vie respiratorie e, in alcuni casi, può portare a shock anafilattico.

Per gli animali, la processionaria spesso è letale, infatti, al contatto, spesso manifestano reazioni che possono condurre anche alla morte. Generalmente, i primi sintomi sono un’improvvisa e intensa salivazione, seguita da un ingrossamento della lingua, la quale può raggiungere dimensioni tali da provocare il soffocamento dell’animale. Dal contatto con la lingua invece possono insorgere processi di necrosi con conseguente perdita di porzioni di lingua. Ma il rischio è importante e c’è anche per gli uomini. Penso ad un bambino incuriosito che ad esempio possa venirne malauguratamente a contatto. Chiedo che il Comune dispongo immediatamente, in tutte le zone cittadine sulle quali insistono pini, l’intervento di chi di competenza per la bonifica, il trattamento e la disinfestazione per la rimozione del pericolosissimo parassita.

A cura di Antonio Di Cuonzo

LASCIA UN COMMENTO