ABA – LAB S.I.V.O.L.A. – Centro per l’Autismo e la Neurodiversità, una nuova e utile risorsa nel territorio di Barletta

99

Ieri sera, verso le ore 19.00 in via trani 114 a Barletta, si è tenuta l’inaugurazione della nuova sede ABA – LAB S.I.V.O.L.A. – Centro per l’Autismo e la Neurodiversità; un laboratorio con l’obiettivo di migliorare la qualità di vita delle persone nell’ambito della disabilità, con un focus sui disturbi dello spettro autistico. La caratteristica di questo nuovo centro specializzato è l’integrazione del metodo ABA negli approcci cognitivi comportamentali, grazie ad interventi psicoeducativi conformi alle linee guida nazionali regionali.

Il centro si avvale di un personale composto da giovani Dottoresse, iniziando dalla Responsabile del Centro la Dottoressa Erica Lacerenza, in collaborazione con la Tutor Senior.

Lucia Doronzo, pedagogista come altre sue colleghe: la Dottoressa Rossella Lovreglio, la Dottoressa Deborah D’Alba, la Dottoressa Valeria Carretta, insieme alla Dottoressa Logopedista Sabina Defazio e nell’abito Educativo le Dottoresse Angela Pegna, Claudia Spadaro, Marianna Damato e la Dottoressa Roberta Dianni. Un’equipe specializzato, ricco di affetto per i bambini e in costante aggiornamento sul disturbo dello spettro autistico.

Nella moderna sede, è stato evidente il forte interesse che ha avuto questa bella squadra nel progettarlo e crearlo, per aver pensato ad ogni dettaglio, come stanze colorate dal proprio significato e ognuna di loro, emette un senso di protezione, calma e serenità. Librerie e scaffali pieni di giochi, sedie e banchi in miniatura molto accoglienti, stanze adibite a momenti relax, spogliatoi adatti all’ igiene e quattro aree con scopi mirati: due dedicate ad attività più strutturate e due per quelle meno strutturate, separate e pensate sia per i più piccoli e sia per i più grandi.

È stato calibrato ogni singolo possibile bisogno dei bambini o dei ragazzi, infatti sono state pensate attività in spazi adibiti a diverse fasce di età. Il laboratorio predispone di vani dai colori tenui come l’arancio, il verde, il rosso e celeste. Ognuno indicato per dei procedimenti specifici e per prima stanza nel tour, è stata mostrata quella pensata per ragazzi più grandi dagli 11 anni in su, la Stanza dell’Autonomia, realizzata per poter lavorare sulle loro capacità.

Due stanze per i più piccini: in una di queste potrà essere possibile eseguire attività di gioco simbolico, ovvero nella Stanza Net e nell’altra stanza invece i bambini da 0 ai 5 anni, potranno interfacciarsi in attività più strutturate e quindi più elaborative.

La Stanza Rossa invece è stata ideata per tutti coloro che hanno bisogno di un momento di pausa dalle attività, nominata infatti la Stanza Relax, utile dopo le lezioni nella stanza color celeste, indicata per le attività di psicomotricità, la Stanza Palestra, oppure dopo essere stati nell’Area Scuola, arredata da banchi, lavagna e tutto ciò che ne concerne per finalità didattiche e accademiche. Per entrare più nei dettagli, la Dottoressa Responsabile Erica Lacerenza, ha raccontato sommariamente l’obbiettivo del progetto e da dove è nato:

<< Il progetto nasce dal desiderio di dare una struttura più adeguata alle famiglie – ha introdotto la Dottoressa – poiché noi ospitiamo un certo numero di utenti, che varia dai 0 anni ai 18 e quindi l’idea è stata quella di creare una struttura che avesse aree divise per fasce di età. Noi ospitiamo bambini e ragazzi con autismo e con altre disabilità e quindi ci occupiamo di attivare progetti psicoeducativi, volti allo sviluppo nell’area della comunicazione, delle abilità sociali e ampliare i loro interessi poiché questi sono i punti per loro, più deboli.

Cerchiamo di lavorare in rete con le famiglie e le scuole perché la rete e il fare squadra, ci porta a dei risultati. Il nostro team è formato da educatori, pedagogisti e logopedisti specializzati nella disabilità intellettiva, da me che sarei la Responsabile e sono una Psicologa psicoterapeuta cognitivo comportamentale >> ha concluso la Dottoressa. Dopo averci salutato, insieme al team ha dato il via ai festeggiamenti.

Alla fine del tour, tutti i presenti si sono recati nell’area sottostante dell’edificio (dove è ubicato il centro ABA) uniti alle Dottoresse, per l’inaugurazione del centro, con il tradizionale “taglio del nastro”. In questa occasione è stato possibile vedere la dolcezza, attenzione e professionalità dello staff verso molti bambini e le loro famiglie; bisogna precisare che all’evento hanno partecipato molte persone e hanno apprezzato la sede moderna, professionale, accogliente e gestita da un team altrettanto completo. Una struttura da considerare risorsa aggiuntiva per il nostro territorio e dalle ottime caratteristiche.

 

LASCIA UN COMMENTO